Iscriviti

Convenzioni

Social

20 Ott 2019

Blog Post

Report Fondazione Gimbe, il commento del Segretario nazionale dell’UGL Sanità Gianluca Giuliano
Comunicati stampa

Report Fondazione Gimbe, il commento del Segretario nazionale dell’UGL Sanità Gianluca Giuliano 

Report Fondazione Gimbe: in 10 anni 37 miliardi di tagli alla sanità. Il commento del Segretario nazionale Gianluca Giuliano (UGL): “Invertire la rotta con investimenti su tecnologie e personale per garantire cure adeguate e omogenee in tutto il Paese”

Le parole del Segretario Nazionale Gianluca Giuliano in merito al rapporto della Fondazione Gimbe secondo il quale negli ultimi 10 anni sono stati sottratti ben 37 miliardi alla sanità: “I dati economici messi in evidenza dal rapporto Gimbe sono estremamente preoccupanti. Il costante taglio di risorse ai danni della sanità italiana non è qualcosa che ci coglie di sorpresa, ma sicuramente ci dà la misura del dramma del nostro SSN”

“Fino ad oggi la parola d’ordine è sempre stata “tagliare”. Tagliare la spesa, tagliare sul personale e sulla qualità del servizio. Questa, a nostro avviso, non era e non potrà essere mai la strada giusta per risollevare le sorti del nostro comparto. Servono invece scelte coraggiose, nuovi investimenti e maggiori risorse per prepararsi ad un futuro in cui l’aumento dell’età media e la cronicizzazione dei pazienti metterà sempre più a dura prova la tenuta dell’intero sistema”

“Al nuovo ministro Speranza chiediamo da subito misure tangibili per il rilancio del comparto. Bisogna invertire la rotta che vede i fondi destinati alla sanità utilizzati per coprire altri settori e convogliare invece risorse da investire in nuove tecnologie e sopratutto sul personale, con lo sblocco del turnover e maggiori tutele per tutte le lavoratrici e i lavoratori che costituiscono l’ossatura del nostro Servizio Sanitario Nazionale. Solamente attraverso un’adeguata pianificazione che renda i lavoratori del comparto nuovamente centrali si potranno garantire cure di eccellenza in tutto il nostro Paese scongiurando il rischio di trovarsi con sanità territoriali a diversa velocità”.

Roma 16 settembre 2019

print

Related posts